Incredibile

Una showcar realizzata dalla Carrozzeria Nautilus che fa girare la testa, per il look, il suono e le bollicine… dello champagne 

Mettiamo subito le cose in chiaro: 1. è una cabrio 2. è un’auto espressamente nata per fare immagine 3. ha un mix galeotto di componenti che fanno capolavoro. Abbiamo voluto mettere le mani avanti perché non possiamo fare altro che sprecarci in “uh!” e “wow!” davanti a questa 318 cabrio elaborata (ma si può usare la semplice parola “elaborata?”) dalla Carrozzeria Nautilus e, perché voi non crediate che siamo degli ingenui, abbiamo voluto spiegarvi subito che siamo consapevoli dei segreti (ben calcolati) del suo successo. È innegabile, però, che tra le tante auto che ci passano davanti agli occhi questa sia di certo una di quelle che più ci ha lasciati a bocca aperta: c’è stato un po’ di stupore istintivo da appassionati e un po’ di analisi microscopica tipica di chi per mestiere deve cercare le pulci. In effetti siamo in buona compagnia visto che comunque è finita tra le Top30 dell’edizione di quest’anno di My Special Car. Ma ricominciamo da capo e procediamo con ordine. Il vestito è qualcosa di strepitoso, oltre che di estremo, visto che nulla è rimasto com’era e questo affascina già a colpo d’occhio. Fatta forse una sola eccezione e solo in parte, ossia per i fari anteriori, marchio di riconoscibilità della Serie 3, ma così affogati dal cofano proteso sul frontale della E46 da far cambiare lo sguardo al prodotto finale. Cambia la qualità della luminosità visto che il preparatore ha optato per un kit Xenon al posto delle lampade originali. Due elementi sono complici di questa trasformazione: il primo è il pensionamento, sempre per “colpa” del cofano, della griglia, e il secondo è l’integrazione delle strisce a led delle luci diurne dell’Audi S6, un prestito DOC visto che la berlina dei quattro anelli è da sempre la rappresentante del connubio di velocità e lusso.
Lo spaesamento, però, è provocato anche da un’altra invasione barbarica, quella del paraurti anteriore che – come i più attenti avranno notato – non ha nulla a che fare con casa BMW ed è invece derivato dalla Peugeot 206. Ma è l’unica contaminazione esterna visto che gli altri apparentamenti sono tutti con altre (pregiatissime) creature della Casa dell’Elica: la vista posteriore, infatti, tradisce qualcosa di familiare con la roadster, la Z4, da cui la Cabrio della Carrozzeria Nautilus prende sia i fanali sia l’allargamento, ancora posteriore, della carreggiata (ben 24 cm per parte), mentre il paraurti è completamente artigianale. Allargate sono anche le minigonne: più 18 centimetri. Dalla M6 (e parliamo quindi della più esagerata delle BMW, un V10 di 5 litri di cilindrata e da oltre 500 CV, derivato nientemeno che dalla Formula 1) prende più semplicemente gli indicatori di direzione. I dettagli fanno sì la differenza, ma alcune lavorazioni macro rappresentano il marchio dello stile applicato dalla Carrozzeria Nautilus: l’immancabile scelta delle portiere ad apertura verticale (rigorosamente senza maniglie) e la lisciatura completa della carrozzeria, poi aerografata con alcuni simboli che la dicono lunga sulla filosofia di vita dei creatori… Donne, dadi, simboli del dollaro e pure qualche teschio sia sulle fiancate sia sui paraurti posteriori. Icone dell’immaginario collettivo che ritornano anche nell’abitacolo, tra diamanti e bottiglia di champagne annegata in un cestello di ghiaccio.
Pelle rossa per i rivestimenti a rombi realizzati artigianalmente da Conti, cromature per il volante Custom Style e per il pomello del cambio Isotta Drake, nonché ovunque alloggiamenti e tasche per monitor e tweeter. Eh sì, l’impianto audio è ingombrante, visto che il sedili posteriori sono stati sostituiti da un vano in retroresina per i subwoofer. Il sound più galvanizzante? Quello dei compressori delle sospensioni pneumatiche che, oltre a far girare i passanti, riescono a rendere anche utilizzabile questa showroom car. Tutti da guardare anche i cerchi Dub Spine da 20” attraverso le cui razze anteriori (si possono ancora chiamare razze?) si riescono ad ammirare le pinze rosse dell’impianto Tarox.

SCHEDA TECNICA
BMW 318 IS CABRIO

DESIGN
>Modifica frontale BMW E46
>Kit Xenon BMW E46
>Luci diurne Audi S6
>Paraurti ant. Peugeot 206
>Cofano modificato con eliminazione griglia
>Minigonne allargate (18 cm)
>Allargamenti post. BMW Z4 2007 (24 cm per parte)
>Paraurti post. artigianale
>Fari post. BMW Z4
>Specchietti retrovisori Custom Style
>Frecce BMW M6
>Vertical doors LSD
>Eliminazione maniglie porta
>Tappo benzina su paraurti posteriore
>Lisciatura completa carrozzeria
>Fiancate e paraurti post. Aerografati

INTERNI
>Sedili ant. Sparco Torino 2 rivestiti in pelle
>Pannelli porta modificati con tasche per monitor e tweeter
>Volante Custom Style
>Pomello Isotta Drake
>Cuffia cambio artiginale by Conti
>Rivestimento completo in pelle a rombi by Conti
>Tappetini in pelle
>Eliminazione sedili posteriori con vano in vetroresina per Subwoofer

MOTORE
>Collettori in acciaio Inox
>Scarico artigianale

ASSETTO E FRENI 
>Sospensioni pneumatiche modificate con due compressori e tre bombole da 20 litri
>Distanziali ant. 8 cm, post. 18 cm
>Cerchi Dub Spine da 20” cromati
>Pneumatici 225/20 e 225/30
>Impianto frenante Tarox 16 pompanti con dischi da 350 mm

AUDIO
>Sorgente Clarion VRX578RUSB >Amplificatore Rockford T500 (SUB)
>Amplificatore T680.4 (casse)
>Lettore DVD Audiomedia
>4 schermi da 7”
>Trombe Soundstream
>Subwoofer Rockford serie Punch

IL PREPARATORE
Carrozzeria Nautilus
By Cristian
Via ss. cosma e damiano 87
23801 Calolziocorte (LC)
Tel. 0341.64.28.07
carrozerianautilus@alice.it

L’articolo completo è disponibile sul numero 51 di Tuning Generation.