Mercedes-AMG Project-One: dalla pista alla strada

13 settembre 2017
Comments off
1.940 Views

Tecnologie F1 di livello eccezionale, design mozzafiato e tanti, tantissimi cavalli. Un sogno stradale chiamato Project-One: firmato Mercedes-AMG.

AMG, divisione sportiva di Mercedes-Benz, compie cinquant’anni eppure è lei, e non viceversa, a farci il regalo. E che regalo: dopo tre anni di dominio assoluto ed innumerevoli successi nella F1, massima categoria del motorsport, il mercato accoglie una delle sue future regine, un’autentica freccia d’argento, una W08 (questo il nome della monoposto che milita nel campionato di F1) stradale. Un sogno per coloro che dispongono di un portafoglio parecchio pesante e che coltivano la passione per la F1: una elegante e filante hypercar che vanta un sistema che combina un V6 1.6 Turbo da 680 CV a quattro motori elettrici (ognuno da 120 kW: uno integrato nel turbocompressore, uno collegato al motore turbo e due sull’asse anteriore). Il risultato? Una potenza complessiva di oltre 1000 CV, che va a braccetto con il cambio AMG Speedshift ad otto rapporti, un manuale robotizzato con funzionamento idraulico di ultima generazione. Tante, tantissime le tecnologie prese in prestito dall’esperienza in F1, ad esempio l’MGU-H, un motore totalmente elettrico 90 kW che è capace di raggiungere gli 11.000 giri al minuto e di recuperare l’energia destinata alle batterie al litio da 800 Volt (anch’esse derivanti dalla F1: vantano una posizione centrale ed un sistema di raffreddamento adottato). Le rimanenti tre unità elettriche dispongono invece, come già scritto in precedenza, di 120 kW ciascuna. Le prestazioni? Letteralmente formidabili. Lo 0-100 si calcola in soli… a dir la verità, non lo sappiamo ancora, tuttavia siamo a conoscenza dello 0-200 Km/h: la Project-One impiega solamente sei secondi (6) per raggiungere tale velocità.

Impressionante. La velocità massima? 350 Km/h. Il telaio? Innovativo, naturalmente. Monoscocca e carrozzeria sono infatti in fibra di carbonio, così come le appendici aerodinamiche. Il design? Mozzafiato: alettone posteriore mobile, splitter attivo anteriore, voluminose prese d’aria, una straordinaria pinna dinamica sul tetto, cerchi da diciannove pollici all’anteriore e da venti al posteriore, fanno da cornice ad una linea che ricerca in tutto e per tutto l’efficienza aerodinamica. Questa hypercar è dunque davvero una F1 stradale: ciò è facilmente intuibile anche dalla configurazione degli interni, contraddistinti da due display da dieci pollici, sedili in monoscocca e da un volante che richiama quello della monoposto W08. Pochi saranno tuttavia i fortunati che potranno aggiudicarsi tale opera d’arte: la Project-One, il cui prezzo è di 2.275.000 €, sarà prodotta in soli 245 esemplari. Peccato, ci avevamo fatto un pensierino.

 

 

Comments are closed.