Ferrari, riscatto in Ungheria?

22 luglio 2017
Comments off
2.184 Views

Il layout dell’Hungaroring dovrebbe sposarsi con le caratteristiche della SF70-H. Vettel riuscirà a conservare la leadership della classifica piloti?

Silverstone ha consegnato a tutti gli appassionati di F1 un mondiale più aperto che mai: tre piloti racchiusi in appena ventiquattro punti, agonismo crescente e tanta voglia di far bene, specialmente in casa Ferrari. La Scuderia di Maranello è reduce dal week-end più complicato di questo campionato e deve necessariamente riscattarsi in occasione del Gran Premio d’Ungheria, in una pista che dovrebbe favorire le caratteristiche tecniche (passo corto ed ottima trazione in primis) della Ferrari a causa di innumerevoli curve di lenta e media velocità, pane per i denti della SF70-H (Montecarlo ne è stata la più importante dimostrazione).

Il layout dell’Hungaroring è infatti completamente diverso da quello del circuito di Silverstone, che ha decisamente esaltato gli innumerevoli pregi della Mercedes W-08 di Lewis Hamilton (ora agganciato a Sebastian Vettel nella generale) e di Valtteri Bottas, con quest’ultimo inaspettatamente in lotta per il titolo. Il passo lungo delle monoposto di Stoccarda si è trovato a proprio agio tra i curvoni veloci della pista britannica ed ha permesso di guadagnare punti pesanti sia per quanto riguardo il mondiale piloti che per quello costruttori, ora in pugno delle frecce d’argento.

Ma l’Ungheria potrebbe seriamente permettere a Sebastian Vettel, che con la Ferrari qui ha già vinto nel 2015 con la SF15-T, di conservare la leadership e di godersi le vacanze della consueta pausa estiva nel migliore dei modi. Serviranno comunque prestazioni di assoluto livello da entrambi i piloti della rossa, vista la smagliante forma di Mercedes, ora più agguerrita che mai. Se l’epilogo finale dovesse essere lo stesso di Silverstone saranno dolori e, come da otto/nove anni a questa parte, si griderà al mancato sviluppo della macchina, vero e proprio tallone d’Achille del team più vincente della storia della F1.

Sono tanti i motivi per cui vale la pena non perdersi il prossimo Gran Premio d’Ungheria, tappa fondamentale di un campionato mai così avvincente.

Potrebbero interessarti anche:

Ferrari 599 GTB Fiorella: una purosangue da drift! Siamo stati a Varano per vedere in anteprima l'arma con cui Federico Sceriffo ha intenzione di affrontare il prossimo campionato di Formula Drift. Non parliamo della "classica" macchina da drift però:...
Ferrari, la speranza è l’ultima a morire A Kuala Lumpur, in Malesia, la Ferrari tenterà di rifarsi dopo il tragico (sportivamente parlando) GP di Singapore. Ci riuscirà? I tifosi ferraristi non hanno chiuso occhio per più di dieci giorni, p...
Novitec Rosso N-Largo F488 Spider: capolavoro per... Novitec ha tolto i veli alla sua ultima creatura, la N-Largo 488 Spider. Un mostro da 772 CV e 892 Nm di coppia massima. E che look! Novitec ci stupisce ogni volta di più. La N-Largo 488 Spider è una...
Suicidio Ferrari a Singapore: ma è davvero finita?... A Singapore va in scena un autentico dramma sportivo: la gara delle due Ferrari dura infatti poco più di cento metri. Lewis Hamilton, senza alcuno sforzo, ottiene la terza vittoria consecutiva e conso...
Ferrari in cerca di risposte a Singapore Dopo la debacle in madre patria, le rosse di Maranello tenteranno di riscattarsi a Singapore, circuito teoricamente favorevole alle caratteristiche della SF70-H. Terminati i festeggiamenti per i sett...
A Monza domina la noia: Mercedes imbattibile, deba... Ferrari anonima in Italia: Vettel taglia il traguardo in terza posizione, ma a mezzo minuto dalle due Mercedes. Trionfa Hamilton, nuovo leader della classifica piloti. La pioggia del sabato sembrava ...

Comments are closed.